Frasi sulla nebbia

June 30, 2011 | In: Citazioni sulla natura

Ché raddoppia i suoi tormenti chi con occhio mal sicuro, fra la nebbia del futuro va gli eventi a prevenir. (Pietro Metastasio, L’estate)

La banchina asfaltata gli ondeggiava sottoi piedi, e la gelida bruna mattutina riempiendo l’alta navata della stazione lo opprimeva come una nebbia spessa; non vedeva ; camminava rigido come in sogno. Si fermò udendo le spiegazioni che Ismay forniva all’impiegato dei bagagli: «È un baule piatto da cabina. Spedito avant’ieri da Londra. Il nome è Leith». (Archibald Joseph Cronin, Gran Canaria)

La catena e la museruola sono solo per Argo. La museruola è un pezzo di preda che non è né coperta né sincera. Io non so che cosa sia. Certo è una muraglia posta fra me e il creato, una nebbia che copre e rende meno distinta la vita. (Italo Svevo, Argo e il suo padrone)

La nebbia agl’irti colli | Piovviginando sale, | E sotto il maestrale | Urla e biancheggia il mar; || Ma per le vie del borgo | Dal ribollir de’ tini | va l’aspro odor de i vini | L’anime a rallegrar. (Giosuè Carducci, da Rime nuove: San Martino)

Mi dicevano Pablo perché suonavo la chitarra. La notte che Amelio si ruppe la schiena sulla strada di Avigliana, ero andato con tre o quattro a una merenda in collina – mica lontano, si vedeva il ponte – e avevamo bevuto e scherzato sotto la luna di settembre, finché per via del fresco ci toccò cantare al chiuso. Allora le ragazze si erano messe a ballare. Io suonavo – Pablo qui, Pablo là – ma non ero contento, mi è sempre piaciuto suonare con qualcuno che capisca, invece quelli non volevano che gridare più forte. Toccai ancora la chitarra andando a casa e qualcuno cantava. La nebbia mi bagnava la mano. Ero stufo di quella vita. (Cesare Pavese, Il compagno)

Nascondi le cose lontane, | tu nebbia impalpabile e scialba, | tu fumo che ancora rampolli, | su l’alba, | da’ lampi notturni e da’ crolli | d’aeree frane! (Giovanni Pascoli)

Pace non cerco, guerra non sopporto | Tranquillo e solo vo pel mondo in sogno | Pieno di canti soffocati. Agogno | La nebbia ed il silenzio in un gran porto. (Dino Campana, Poesia facile)

Un po’ di sole, una raggera d’angelo, | e poi la nebbia; e gli alberi, | e noi fatti d’aria al mattino. (Salvatore Quasimodo, Acque e terre)

Nebbia d’ottobre e pioggia di novembre, fanno scendere tanti beni dal cielo.

Tanta nebbia di marzo, tanti temporali d’estate.